Tu sei qui

Delegati e Coordinatori

Chi è il Delegato

Indicato dagli Accademici al Consiglio di Presidenza che ne sancisce la designazione, ha il compito di rappresentare e dirigere la propria Delegazione. Accademico tra gli Accademici, il Delegato ricopre il ruolo di guida, condizione indispensabile per realizzare i programmi e raggiungere gli scopi che l'Accademia in prima persona si prefigge e che la Delegazione deve realizzare.
Compito del Delegato è anche quello di mantenere stretti contatti con i pubblici poteri locali, oltre a intrattenere rapporti con la stampa locale, importantissimi per la proiezione verso l'esterno dell'Accademia e dei suoi postulati.
L'organizzazione di convegni di studio, tavole rotonde ed eventi vari sono le occasioni principali in cui l'attività dell'Accademia si apre alla comunicazione.

Il Coordinatore Territoriale

Delegato tra i Delegati, a lui spetta il coordinamento dell'attività delle Delegazioni della propria area. Fa da tramite tra l'Accademia e le autorità e si pone come punto di riferimento per i mezzi di comunicazione, svolgendo anche funzioni di pubbliche relazioni.
Ma dove il Coordinatore Territoriale deve esprimere tutte le sue capacità è nell'organizzazione di eventi, dibattiti, tavole rotonde e convegni di studio, indispensabili non solo per l'immagine culturale dell'Accademia ma anche per fare acquisire a tutti (non solo agli Accademici) una sempre maggiore consapevolezza dei valori e dei problemi reali della cucina, della ristorazione, della tradizione gastronomica, della civiltà della tavola italiana.
È attraverso tali iniziative che l'Accademia si proietta verso l'esterno, coinvolgendo anche personalità politiche, manageriali e culturali. Perché è attraverso la sua immagine pubblica che l'Accademia può contribuire a rendere un pubblico sempre più numeroso, sensibile alla salvaguardia del patrimonio culturale del Paese.

Il Coordinamento Territoriale