Tu sei qui

I menu del Quirinale

150 anni di menu per 15 capi di Stato

Da Vittorio Emanuele II a Giorgio Napolitano, un'ampia testimonianza su usi e costumi dei capi di Stato attraverso i 250 menu inediti, reali e presidenziali dalle collezioni degli Accademici Maurizio Campiverdi (in massima parte), Domenico Musci, Franco Chiarini e Giovanni Chiriotti, integrate dai menu e dalle notizie fornite dall’Archivio Storico della Presidenza della Repubblica.
Silenzioso protagonista dell'evoluzione storico-culturale della civiltà gastronomica, testimone eloquente di avvenimenti e personaggi e delle numerose occasioni conviviali che caratterizzano la vita politico-sociale dello Stato, il menu è un documento indispensabile per conoscere i gusti di un'epoca, seguirne l'evoluzione attraverso le differenze nella preparazione delle vivande e comporre quel vastissimo mosaico di usi, costumi  e tradizioni propri di una Nazione. 

Con questa pubblicazione, del tutto oroginale, l'Accademia Italiana della Cucina - Istituzione Culturale della Repubblica Italiana - contribuisce alla celebrazione dei 150 anni dell'Unità d'Italia.

Napolitano:un’iniziativa meritoria dell’Accademia

“Il presente volume - scrive il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in apertura del libro - illustra attraverso una suggestiva e ricca collezione di menu ufficiali proposti al Palazzo del Quirinale dal 1861 in poi, l'evolversi, all'interno della cultura gastronomica e degli usi del protocollo ufficiale, della civiltà italiana della tavola. Veri e propri documenti di valore storico e culturale, questi menu raccontano della progressiva evoluzione dei punti di riferimento dell'alta cucina nell'Italia post-unitaria, contrassegnata da feconde diversità derivanti sia dalle peculiarità territoriali che dalla secolare frammentazione socio-politica. Essi costituiscono inoltre eleganti testimonianze dei numerosissimi eventi politici e culturali ospitati nel volgere di un secolo e mezzo nelle stanze del Palazzo, anche grazie alla professionalità e alla dedizione che contraddistinguono, oggi come nei primi decenni dell'Unità, i Servizi del Quirinale”.

Ballarini: una testimonianza indelebile della Storia di una Nazione

“La collezione dei menu dei banchetti ufficiali dello Stato Italiano nei primi 150 anni dell'unità d'Italia - afferma Giovanni Ballarini,  Presidente dell'Accademia Italiana della Cucina - sono la testimonianza del ruolo identitario avuto dall'alta cucina di rappresentanza e forniscono un quadro inedito delle inclinazioni e dei costumi culinari dei 4 Re e degli 11 Presidenti. Attraverso quest’opera - prosegue Ballarini -  abbiamo voluto dare un profondo contributo culturale alla memoria storica del nostro Paese, riportando alla luce celebri avvenimenti, passati e recenti, documentandoli attraverso menu eleganti e artistici che si prestano a diverse letture sociali e che toccano la lingua, la tipologia dei piatti, la preparazione delle vivande e l'utilizzo di alimenti tipicamente italiani”.